Un Open d’Italia pieno di giovani

 

E’ stato davvero bello vedere tanti giovani e giovanissimi al 71° Open d’Italia ma va detto che nulla succede per caso: nell’area verde ai margini del villaggio commerciale, Club Med ha dimostrato le proprie doti di intrattenitore familiare ed ha accolto i bambini mentre i genitori potevano godersi la manifestazione mentre la US Kids Foundation, la più importante fondazione mondiale di golf per i bambini dai 6 ai 12 anni, ha utilizzato la propria esperienza con i giovanissimi che si sono cimentati con la Snag (Starting-New-at-Golf), primo approccio facile e friendly al golf.

moli-grappa-clarke

Anche i Campioni si sono prestati ad intrattenere grandi e piccoli. Nella foto: seduti sulla pedana del tabellone dei risultati, Francesco Molinari insieme ad un dimagritissimo Darren Clarke rispondono alle domande di Silvio Grappasonni. In un’altra giornata di gara è stato il turno di Costantino Rocca con Edoardo Molinari.


La maggiore affluenza di giovani si è però avuta al Matteo Contest by Rolex; Matteo Manassero si è prestato a fare da capitano delle squadre maschile e femminile che si sono sfidate in un’appassionante gara di approcci ed a rispondere a tutti le domande poste dai giovanissimi.

matteo costest
Nella foto, oltre al Campione, si riconoscono il presentatore Marco Berry, Barbara Zonchello (Direttore del Comitato Organizzatore dell’Open) e alcune giovani promesse tra cui Giulia Franco del Golf Club Ambrosiano.

Siamo certi che al prossimo Open, che si disputerà al Circolo Golf Milano, vi saranno sempre più spazi ed eventi espressamente dedicati ai più giovani, che sono il futuro del nostro golf. 

 home