Tre date importanti


Il 25, 26 e 27 marzo 2015 sono stati giorni fondamentali per il golf italiano.

72 ore impegnative che hanno visto Roma protagonista della visita ispettiva da parte della Commissione atta a selezionare la destinazione della Ryder Cup 2022.

Leggi gli altri articoli sulla candidatura italiana alla Ryder Cup 2022 :

Conto alla Rovescia..

Pascal e la Ryder…

...

La Federazione Italiana Golf ed il Marco Simone Golf & Country Club, hanno realizzato la video-cronaca dei tre giorni in cui la Commissione capitanata da Richard Hills, oltre al sopralluogo sul percorso,  è stata ricevuta a Palazzo Chigi, al Coni, alla Regione Lazio ed al Campidoglio.

Gustatevi il video- racconto :

ryder bordeaux

 

 

 La Commissione composta da Richard Hills (Ryder Cup Director), Edward Kilson (Match Director), Jonathan Orr (Financial director) e David McLaren (Director of Property),  e la nostra Delegazione formata  da Franco Chimenti (Presidente FIG e CONI Servizi), Giovanni Malagò (Presidente CONI) e Stefano Manca (Segretario Generale FIG) sono state ricevute dapprima a Palazzo Chigi dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio.

Alla fine dell’incontro il Sottosegretario Delrio ha affermato: “La squadra che sta portando avanti questa candidatura è un’ottimo gruppo di lavoro per la promozione dello sport e in particolare per l’impegno sulla candidatura di Roma.  Ryder Cup è un evento unico: lo si potrebbe definire quasi un paradigma dell’Europa, poichè vede protagonista una squadra europea. Siamo qui per garantire che il Governo Italiano sostiene le istituzioni sportive impegnate in questa sfida.

Per gli ispettori, la seconda giornata di visita a Roma è iniziata con l’incontro con il Presidente del Coni, Giovanni Malagò che alla fine ha affermato: “Il CONI crede molto nella validità di questa candidatura. C’è un clima di grande positività e di entusiasmo da parte della Commissione degli ispettori . Credo che sia innegabile l’impegno e lo sforzo della Federazione Italiana Golf a sostenere Roma 2022. Il Sistema Italia ha dimostrato grande unità e coesione e stiamo facendo di tutto per meritare la fiducia“.

Subito dopo è stata la volta del Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: “Per Roma e per il Lazio un’altra difficile sfida da vincere. Una nuova splendida avventura da vivere. La Ryder Cup rappresenta per gli esperti, gli addetti ai lavori e gli appassionati un evento unico, specchio di uno sport che negli ultimi anni ha conquistato molti proseliti. Questa candidatura quindi è un’opportunità da cogliere al volo, e con grande ottimismo ci auguriamo che la designazione sia a nostro favore e quindi di poter ospitare, nel 2022, una manifestazione di livello mondiale. Se così fosse, ci faremo trovare preparati: il tempo e le energie per organizzare tutto al meglio non ci mancano davvero. Perché crediamo fortemente che Roma possa divenire la Capitale anche del Golf”.

La giornata è terminata in Campidoglio con l’incontro con il Sindaco Ignazio Marino: “Nella mia esperienza americana ho conosciuto bene il golf e so che è una bellissima disciplina” ha dichiarato il sindaco Marino. “Saremmo felicissimi di ospitare questo prestigioso torneo e sappiamo che nel 2022 la nostra città sarà molto cambiata. Stiamo rilanciando l’immagine di Roma nel mondo. Faremo del nostro meglio e garantiamo tutto il supporto utile per raggiungere questo obiettivo. Vinceremo”.

Molto soddisfatto il Presidente della Federazione Italiana Golf, Franco Chimenti: “Dal Governo al Coni, l’Italia schiera un fronte compatto. Lavoriamo tutti al massimo per lo stesso obiettivo. Del resto è in palio una candidatura che darebbe lustro non solo al golf, ma a tutto il Paese. Nutriamo rispetto per gli altri concorrenti, ma siamo certi di offrire lo scenario e l’organizzazione migliori”.

Tutta la Lombardia incrocia le dita e fa il tifo più caloroso affinché il sogno di avere la Ryder Cup in Italia si possa realizzare.

 

home